Gite con neonati,  Lago,  Lecco

Ciclopedonale dei laghi di Garlate e Olginate

La ciclopedonale: dove si trova

C’e’ un piccolo gioiello alle porte di Lecco, lungo il corso del fiume Adda, che offre una splendida vista sulle montagne che incorniciano la citta’: la ciclopedonale dei laghi di Garlate ed Olginate. Luogo ideale per chi vuole fare sport contemplando la Bellezza! Si snoda tra i comuni di Pescate, Garlate, Olginate, Calolziocorte, Vercurago e Lecco. E’ raggiungibile dalla ss36 e lungo il percorso si trovano diversi, comodi, parcheggi.

Vista da Pescate

Il percorso

La ciclopedonale e’ lunga circa 18 km ed e’ interamente percorribile in bicicletta. E’ pianeggiante, quindi puo’ essere percorsa a tratti anche in passeggino (alcuni pezzi sono sterrati). Vi lasciamo un riferimento molto dettagliato al percorso, suddiviso in tratti, che riporta anche una descrizione completa di tutte le meraviglie che incontrerete, quali il Ponte Azzoni Visconti, il museo della Seta, la diga di Olginate, la fortificazione Viscontea, Villa Sirtori, Santa Maria del Lavello. Trovate anche le info per il servizio di Bike Sharing. Percorso, descrizione beni artistici e bike sharing.

Monastero del Lavello

Riferimenti culturali

Luogo manzoniano per eccellenza, ‘Dove le rive, allentandosi di nuovo, lascian l’acqua distendersi e rallentarsi in nuovi golfi e in nuovi seni’ Cap.1 ‘I promessi sposi’. Dalla ciclabile si puo’ ammirare il famigerato ‘Castello dell’Innominato’, che la tradizione indica come residenza di Francesco Bernardino Visconti, il personaggio che ispiro’ Manzoni per creare la figura dell’Innominato. Sulla sponda sinistra dell’Adda troviamo Pescarenico, comune espressamente citato dal Manzoni come sede del convento dei Cappuccini dove viveva Fra Cristoforo.

Cartello con citazione ‘Promessi Sposi’

I tratti migliori da percorrere in passeggino

Pescate/Garlate

Parco giochi ‘Le Torrette’

Percorrendola a piedi con bambini, vi consigliamo di iniziare dal tratto Pescate/Garlate, dove incontrate tre parchi giochi bellissimi e ombreggiati (‘Addio ai monti’, ‘La Fornace’ e ‘Le Torrette’), pannelli che illustrano la fauna del posto e indicano i nomi delle montagne che dominano la zona. Lungo il percorso, in estate, si trovano anche chioschetti e bar. Diverse sono le iniziative organizzate dall’associazione ‘Papa’ di Pescate’; tra queste la meravigliosa festa di Halloween in autunno. Pagina Facebook Papa’ di Pescate

Ciclopedonale

I bambini saranno invogliati a camminare per raggiungere il parco giochi successivo! Oppure, per i piu’ piccoli, potete portare la bici senza pedali e seguirli a piedi. Durante il percorso sarete accompagnati dagli abitanti del lago e potrete far apprezzare ai vostri bimbi la ricchezza della fauna del posto. Godrete di una vista incantevole su Lecco e Pescarenico e le montagne che domanino la zona: Resegone, Erna, Duemani, Melma, San Martino e Magnodeno. Tutte mete interessanti per escursioni in montagna!

Vista sulle montagne di Lecco

Lavello/Bione

Sulla sponda opposta del lago, il tratto migliore da percorrere a piedi, secondo noi, e’ quello che parte dal Lavello, nel comune di Calolziocorte, dove trovate un ampio parcheggio gratuito. Troverete una bella piazza, un parco giochi ombreggiato e il bellissimo Monastero.

Parco giochi del Lavello

Proseguendo in direzione Vercurago, sorpassata la frazione Pascolo (dove dovete lasciare la ciclopedonale e entrare nelle vie del paese), raggiungerete il Bione. Anche questo tratto e’ ben attrezzato, con punti giochi per bambini e diversi bar e ristoranti affacciati sul lago. Inoltre c’e’ una spiaggetta, di fronte al campo sportivo di Vercurago, ideale per una sosta rilassante. La vista sul Monte Barro e’ strepitosa!

Monte Barro da Vercurago

Dove mangiare

Sono tantissimi i ristoranti, le trattorie, i bar che si affacciano sulla ciclabile. Nel corso di questi anni li abbiamo testati tutti! Partiamo dal nostro preferito: Le Torrette a Pescate: ambiente curato, cucina semplice ma gustosa, personale cortese, disponibilita’ di piatti senza glutine per celiaci, vista mozzafiato. Consigliamo anche l’Osteria Marascia al Lavello (ristorantino super romantico in una cascina ristrutturata, cibo di ottima qualita’), l’Herba Monstrum a Pescate (per gustare un ottimo hamburger accompgnato da birre artigianali), l’Antico Borgo a Pescate (per una pizza strepitosa da gustare velocemente in ambiente informale; bella la location esterna estiva).

Pescarenico fotografato da Pescate

Avvertenza: crea dipendenza!

Vi abbiamo convinto ad organizzare la vostra gita sulla ciclopedonale dei laghi di Garlate e Olginate?! Siamo sicuri che anche voi rimarrete entusiasti del luogo! Ma dobbiamo avvisarvi: questa ciclabile crea dipendenza! Noi l’abbiamo percorsa infine volte, in tutte le stagioni, a piedi, in bici, in monopattino e non ci stanchiamo mai di andare ad ammirare la splendida cornice in cui e’ incastonata!

12 Comments

  • Paola

    É già qualche tempo che diciamo di organizzare un weekend lungo sui laghi. Io non ci sono mai stata e vista la passione per la bici di nostro figlio, questo itinerario mi ispira! In che periodo lo consigli?

    • Irene Arosio

      La ciclopedonale e’ percorribile durante tutto l’anno. Il mese che noi preferiamo per percorrerla in bici e’ settembre perche’ e’ meno affollata rispetto all’estate e anche le temperature sono gradevoli!

      • Irene Arosio

        Anche a noi piacciono molto perche’ ci consentono di percorrerle tranquillamente anche in passeggino! In bici poi, ancora piu’ bello!

    • francesca

      Da fare a piedi con bimbo di 13 mesi che cammina ma serve anche il passeggino quale tratto è più agevole? Grazie

      • Irene Arosio

        Puoi parcheggiare al parcheggio dopo il ristorante ‘Le torrette’, in corrispondenza dell’omonimo parco giochi. Da li’ puoi dirigerti verso Lecco, toccando altri parchi giochi. Quel tratto e’ asfaltato, quindi nessun problema col passeggino!

    • Irene Arosio

      Assolutamente da fare Dani! In piu’ ristorante torrette e marascia, pur non essendo certificati aic, attrezzati per celiaci: testati piu’ volte dalla nostra celiachina!

Commenta