Chamanna Boval
Engadina,  Engadina,  Montagna,  Viaggi e Vacanze

Il ghiacciaio del Morteratsch e Chamanna Boval

Avete mai portato i vostri bambini a vedere un ghiacciaio? In Engadina potete mostrare ai vostri piccoli che cos’è un ghiacciaio e compiere una bella caccia al tesoro educativa, alla scoperta del Morteratsch. Per i camminatori più allenati, vi raccontiamo anche il trekking alla Chamanna Boval, con un percorso entusiasmante che si conclude con un panorama invidiabile su vette altissime.

Chamanna Boval
Chamanna Boval

La Val Morteratsch: stazione del Trenino Rosso del Bernina

La Val Morteratsch (1895 metri di altitudine) si trova vicino a Pontrestina, in Engadina (Ch). Morteratsch è una delle stazioni del Trenino Rosso del Bernina che collega Tirano a Sankt Moritz. Morteratsch è una tappa imperdibile del Trenino Rosso: merita sicuramente una visita, per la possibilità di ammirare da vicino il ghiacciaio Morteratsch. Per chi, invece, raggiunge la valle in auto, c’è un ampio parcheggio a pagamento alle spalle della stazione.

Sentiero del Ghiacciaio Morteratsch
Sentiero del Ghiacciaio Morteratsch

La Val Morteratsch: gita in passeggino in Engadina sul sentiero del ghiacciaio

La Val Morteratsch è bellissima da percorrere con i bambini, anche in passeggino. Il percorso parte dalla stazione del Trenino Rosso del Bernina e conduce al Vadret da Morteratsch. Il sentiero è ampio e sterrato, pressoché pianeggiante; si percorre in circa 50 minuti ed è adatto a tutti.

Da qualche tempo è stato allestito il percorso Il grande sogno di Sabi: una caccia al tesoro in 16 tappe, pensata per i bambini da 5 a 12 anni, per scoprire il mondo dei ghiacciai. Il libretto è disponibile presso l’Info Point di Pontresina, oppure si può stampare da casa a questo link. Per gli adulti si può ascoltare il LiteraTOUR, un insieme di letture dedicate al ghiacciaio, disponibile sulla Bernina-Glacier-App.

Al termine della breve escursione ci sono delle panchine, da cui si può ammirare la lingua di ghiaccio. Di fronte a queste montagne possenti (il Piz Zupò, 3996 mt, la Cresta Guzza, 3854mt e il meraviglioso Pizzo Bernina, 4049mt) ci si sente piccoli e grati per la bellezza di questi posti incantevoli.

Sentiero del Ghiacciaio Morteratsch
Sentiero del Ghiacciaio Morteratsch

Il Ghiacciaio del Morteratsch: la leggenda

L’escursione in Val Morteratsch è semplice, ma bellissima e vi porterà alla scoperta del ghiacciaio del Morteratsch. Un tempo, questa lingua di ghiaccio arrivava fino alla stazione della ferrovia, mentre oggi la sua dimensione è molto inferiore. Alcuni pannelli lungo il percorso mostrano i segni dell’arretramento del ghiacciaio nel tempo.

Il ghiacciaio del Morteratsch è legato ad un’antica leggenda, che narra dell’amore impossibile tra Teresa ed Eratsch. Eratsch era un giovane pastore, invaghito della bella Teresa, figlia di un ricco proprietario terriero, che fece di tutto per osteggiare il loro amore. Il giovane decise allora di partire come soldato, con la promessa che sarebbe ritornato da Teresa; la giovane però, dopo molti anni di attesa, si lasciò morire e non vide ritornare Eratsch, che sparì senza mai più farsi trovare. Da allora, il fantasma della bella Teresa vagò sui monti urlando “mort di Eratsch”. Il pastore che viveva nella valle rispettava questa presenza, ma alla sua morte il successore seguì lo spirito di Teresa per vedere dove si nascondesse; allora cadde una maledizione sul monte, che si ricoprì interamente di ghiaccio.

Chamanna Boval
Chamanna Boval

La Chamanna Boval

La Chamanna Boval è lo spettacolare rifugio, situato a quota 2.495 metri, che permette di ammirare da vicino il ghiacciaio del Morteratsch. Il sentiero si stacca sulla destra, poco dopo l’attraversamento dei binari del Trenino Rosso del Bernina ed è indicato da una scultura lignea a forma di mano. Tutto il percorso è ben tracciato, senza possibilità di errore e conduce al rifugio in circa due ore. Il dislivello è di 600 metri, quindi consigliamo l’escursione a chi è abbastanza allenato.

Chamanna Boval
Chamanna Boval

La prima parte del sentiero si svolge nel bosco, immersi nel verde e accompagnati dal rumore dell’Ova Bernina. Il sentiero sale rapidamente mediante diverse scalinate naturali.

Chamanna Boval
Chamanna Boval

Il tratto successivo è in piano e attraversa in diversi punti i ruscelletti che scendono dalla montagna. A mano a mano che proseguiamo, vediamo la morena creata dal ghiacciaio.

Chamanna Boval
Chamanna Boval

L’ultima parte del sentiero è tutta su roccia e a me ha ricordato un paesaggio lunare: il sole riflette la luce sulle rocce, creando un’atmosfera magica. Sono presenti delle corde, ma noi non le abbiamo usate (forse molto utili in caso di sentiero bagnato e scivoloso). Il rifugio è bellissimo, dotato di una terrazza panoramica sul ghiacciaio e sulle altissime vette del Massiccio del Bernina. Al ritorno abbiamo preso la deviazione per ricongiungerci al sentiero del ghiaccio.

Chamanna Boval
Chamanna Boval

Leggete anche i nostri racconti sulla Capanna di Heidi, Grevasalvas, i laghi di Surlej, la Val Roseg, il lago Cavloc e l’Alp Suvretta: l’Engadina è ricca di trekking stupendi!

Commenta