Bellagio
Como,  Gite con neonati,  Lago

Visitare Bellagio con bambini: itinerario in passeggino

Visitare Bellagio con i bambini

Noi abbiamo una grossa fortuna: abitare a due passi dal Lago di Como. Il lago è affascinante in tutte le stagioni. In primavera si tinge coi colori dei fiori nelle scenografiche ville; in estate le sue spiaggette si riempiono di bambini in cerca di refrigerio e divertimento (Riva Bianca a Lierna e Abbadia Lariana); in autunno i sentieri che attraversano le sue sponde si colorano di arancione e regalano castagne piccole e gustose; in inverno si possono ammirare le cime innevate che si tuffano nel Lario.

Secondo noi, il momento migliore per visitare Bellagio con i bambini è proprio fuori stagione. In inverno, ad esempio, non farete fatica a trovare parcheggio, troverete meno ciclisti sulla strada (non bellissima) che porta alla Perla del Lario, potrete godervi le viuzze del borgo senza l’affollamento dei turisti. Vi invitiamo ad andare sul lago anche in inverno: non ve ne pentirete!

Bellagio
Bellagio

Visitare Bellagio con i bambini: come raggiungere Bellagio

Bellagio separa i due rami del Lago di Como. Ha una posizione invidiabile nel Triangolo Lariano: alle spalle le montagne, si estende dalle colline fino al lago, regalando bellissimi scorci sia sul ramo orientale (lecchese), che su quello occidentale (comasco).

Potete raggiungere Bellagio in battello. Nell’alta stagione, infatti, è difficile trovare parcheggio ed è preferibile arrivare via lago.

Fuori stagione, noi arriviamo a Bellagio in auto e parcheggiamo in via Pescallo, proprio sopra il centro storico.

Pescallo, Bellagio
Pescallo, Bellagio

Visitare Bellagio con i bambini: itinerario per passeggini

Solitamente i paesi sul lago sono difficili da visitare in passeggino, perché ricchi di scalinate e viuzze. Vi presentiamo, quindi, un itinerario per visitare Bellagio con il passeggino.

Lasciata l’auto nel parcheggio in via Pescallo, tornate verso la strada principale e proseguite sempre dritto, otrepassando il comune. La strada è ciottolata, ma ci sono delle lastre lisce perfette per rendere il percorso carrozzabile.

Bellagio
Bellagio

La scalinata Serbelloni

Sulla sinistra troverete la Scalinata Serbelloni, uno degli scorci più fotografati di Bellagio: una foto è d’obbligo! Ristorantini, negozi di artigianato e bar si affacciano sui gradini che corrono verso il lago. Fuori stagione sono pochi gli esercizi commerciali aperti, ma potrete ammirare la scalinata deserta: affascinante!

Scalinata Serbelloni Bellagio
Scalinata Serbelloni

La Basilica di San Giacomo

Proseguendo, arriverete alla Basilica di San Giacomo, del XI sec.. L’esterno, romanico, è lo stile semplice che spadroneggia sul Lario. Quello che più amo di questa chiesa è l’interno. In un ambiente piuttosto buio, con grandi colonne in pietra che delimitano le campate, spicca la luce sul Crocifisso. Un capolavoro ligneo, del Seicento, di fattura spagnola; si trovava in origine a Pian di Spagna, sulla sommità del Lago di Como, ma a seguito di un’esondazione fu ritrovato a Bellagio da alcuni pescatori e divenne un oggetto di culto. Ancora oggi è tanta la devozione attorno a questo Crocifisso, che viene portato in processione ogni Venerdì Santo.

Basilica di San Giacomo Bellagio
Basilica di San Giacomo

Il Grand Hotel Villa Serbelloni

Proseguendo sempre dritto, potete sognare sbirciando uno degli hotel più belli del Lario: il Grand Hotel Villa Serbelloni (apre ad aprile).

Il lungolago di Bellagio dall’Imbarcadero a Villa Melzi

Sarete così arrivati sul lungolago e troverete da un lato l’imbarcadero, dall’altro il porticato con i negozi di artigianato e i bar. In pochi minuti, raggiungerete il vialone che conduce a Villa Melzi (apertura a metà marzo). Fermatevi ad ammirare il bellissimo scorcio sulla baia di Lenno: vedrete Villa del Balbianello e l’Isola Comacina.

A Bellagio dovrete poi tornare in primavera, per visitare Villa Melzi e prendere il trenino pensato per scoprire i vari borghi della Perla del Lario: un’esperienza unica per i bambini!

Bellagio
Bellagio

Una chicca se siete muniti di marsupio: Pescallo!

Per tornare all’auto in passeggino, dovrete ripercorrere lo stesso tragitto dell’andata. Vi diamo un’ultima idea per rendere ancora più suggestiva la visita. Caricate il passeggino in macchina e armatevi di marsupio: vi portiamo a scoprire Pescallo, il borgo dove si teneva uno dei mercati del pesce più importanti del Lario.

Camminando su via Pescallo, verrete condotti in una piazzetta di rara bellezza, con due panchine e un porticciolo. Proseguendo, si giunge ad un’altra piazzetta, con le tipiche case in pietra che in estate sono coperte di edera. Una piccola spiaggetta, in inverno deserta, vi consentirà di godervi il lago in tranquillità. Per ritornare verso il parcheggio, proseguite sempre dritto e passate nei vicoli costruiti con pietre: dai muri si intravvedono le coltivazioni mediterranee. Sbucherete nei pressi della caratteristica casa che ricorda una chiesa anglosassone: in effetti lo era, ma adesso è un’abitazione privata. Avete concluso questo giro di pochi minuti, ma di grande suggestione.

Pescallo
Pescallo

Se amate le passeggiate lungolago, leggete i nostri articoli sulla Ciclopedonale del laghi di Garlate e Olginate e sulla ciclopedonale dell’Alto Lario. Se amate il Lago di Como, scoprite il percorso da Como a Villa Olmo! Curiosate sul blog BimbInLombardia: trovate la sezione Lago, Montagna e Città d’arte!

Commenta